i "trifulėn"     i cercatori di tartufo bonizzesi

 
ALCUNI TRIFULIN DI OGGI      
 

"AL TRIFULIN"

Vaghi di notte tra valli e pioppeti

in rigidi inverni velati di nebbia
lontano dal mondo, da occhi indiscreti
cerchi tenace il tuo piccol tesoro.
Trifulin, caro al me trifulin
ad ved andar cuntent
incontra a la natura
in contra a un bel granin.
Il fruscio dei passi sulle orme del cane
la torcia che fende il buio cammino
le voci notturne sommesse e lontane
disegnano un mondo di fitto mistero.
Trifulin, caro al me trifulin
ad ricordat i bei temp
dal can in dla caseta
pien ad trifula al sactin?
Trifuli, dai tč bota
che i bei tempi i turnarā
e intant cantem insiem
davanti a un bon risutin:
Viva la Valle del Tartufo
Evviva i Trifulin
 
 
 
Nel periodo invernale, lungo i filari di pioppi delle campagne e nelle golene del Po č facile incontrare il trifulėn: la tipica figura che spesso sfida anche le temperature delle notte pur di rendere pių discreta la ricerca del prelibato tartufo. 
Accompagnato dal fedele cane che ha addestrato fin da cucciolo, il trifulin di ieri come quello di oggi non ostenta mai il risultato della propria ricerca.
Una ricerca che continua ad essere radicata nella tradizione e nella cultura del paese.
   

Onorato Bottura

 

Giuseppe Bresciani

 
       
ALCUNI TRIFULIN DI IERI      
   

Icilio Boselli "Cilio"

 

Oliviero Ferraresi "Tito, l'umin dla trifula"